Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Elezioni comunali

1200 atleti tra le colline più belle del mondo: record di iscritti per la Chianti Classico Marathon

 

Come ai vecchi tempi, quando negli anni ’70 la Maratona di Mercatale, letteralmente inventata da un gruppo di amici, Daniele e Roberto Vignoli, Romano Matteuzzi, Fernando Lapini, Vincenzo Bartoli Silvano Pescini, attirava un migliaio di persone da tutta la penisola per condividere la passione della corsa a contatto con le meraviglie della natura toscana, tra le vigne e gli ulivi del Chianti Classico. Quegli anni d’oro sono tornati. Anzi hanno decisamente superato se stessi in termini di partecipazione degli atleti, capacità organizzative e coinvolgimento della comunità. La quinta edizione della Chianti Classico Marathon, esperienza di grande fascino che riporta in vita un amore sportivo nato mezzo secolo fa, ha alzato l’asticella fino a mettere a segno il record dei record.

L’evento è frutto di un’operazione congiunta che mette insieme la Podistica Valdipesa e l’Unione Polisportiva Tavarnelle, i Comuni di San Casciano in Val di Pesa, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle, la Presidenza del Consiglio regionale, il Consorzio Vino Chianti Classico e ChiantiBanca. L’iniziativa è patrocinata dalla Regione Toscana e dalla Città Metropolitana di Firenze.

Alla straordinaria giornata che oggi, domenica baciata anche dalla clemenza del tempo, ha visto scattare allo start dei tre diversi percorsi (Ultra Trail 45.6 Km, Trail 21 Km e Nordic Walking – Passo libero 10 Km) in piazza Vittorio Veneto atleti e appassionati di tutte le età, dai 6 agli 83 anni, hanno preso parte circa 1.200 maratoneti provenienti da 19 diverse nazionalità del mondo. Un successo senza precedenti, testimoniato dalla presenza di circa 900 iscritti italiani, provenienti dalla Toscana e da molte regioni del centro e del nord Italia tra cui l’Emilia Romagna, il Veneto, il Piemonte, l’Umbria, la Liguria, le Marche, il Trentino Alto Adige, la Lombardia e il Lazio e oltre 300 atleti europei e internazionali che hanno voluto sfidarsi sul dolce saliscendi delle colline chiantigiane. Sono giunti nel cuore del Chianti Classico a godersi una corsa speciale podisti americani, polacchi, tedeschi, inglesi, canadesi, olandesi, francesi, giapponesi, norvegesi.

 

“L’evento è cresciuto negli anni fino a diventare una manifestazione di respiro internazionale – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – grazie alla macchina organizzativa delle associazioni sportive e a tutto il volontariato coinvolto che offre un supporto prezioso per la riuscita dell’iniziativa, la Chianti Classico Marathon ha centrato l’obiettivo ospitando un numero sempre maggiore di corridori italiani e stranieri, diffondendo il nome del nostro territorio all’estero, promuovendone le eccellenze, i punti di forza, le qualità ambientali, paesaggistiche e storico-culturali”.

Per gli organizzatori, entusiasti dei risultati particolarmente positivi dell’edizione 2023, il segreto del successo risiede nella natura del percorso Trail. “I tre tragitti che propongono lunghezze e gradi di difficoltà differenti – specificano gli organizzatori – sono costituiti da strade bianche, sentieri, tratti di bosco e vigna, solo il 10% del percorso è previsto su strada asfaltata, questo è un aspetto significativo che ai maratoneti dà la possibilità di ammirare i tanti tesori che caratterizzano il ricco patrimonio culturale disseminato tra i Comuni di San Casciano, Greve in Chianti e Barberino Tavarnelle”.

Le oltre mille persone in gara hanno potuto sperimentarsi lungo percorsi che hanno attraversato alcuni dei paesaggi più belli al mondo e sono stati accolti dal cuore autentico della comunità. Perché come 50 anni fa sono i mercatini e i chiantigiani a rappresentare l’anima e le braccia della maratona.

La Chianti Classico Marathon anche quest’anno ha decretato i suoi vincitori. Sul palco, allestito in piazza Vittorio Veneto, sono saliti i concorrenti dell’Ultra Trail (45.6 km) per la categoria Seniores Maschile.

  • Primo classificato con un tempo di 3:59 Giovanni Domenico Nucera dell’ASD Gruppo Sportivo, seguito da Roberto Martellini della Sevenlife SSD (4:07), Emanuele Quercioli della Polisportiva Ellera ASD (4:08), Gabriele Grassi della Run Card (4:16), Andrea Aldrovandi (4:19) della Running ASD. Nella categoria Seniores femminile (Ultra Trail) si sono distinte Anna Zilio della ASD TEAM Sport (4:35), Lorena Piastra della TX Fitness SSD Arl (5:18), Loredana Serra della ATL Vicentina (5:24), Silvia Cellai della Polisportiva Ellera ASD (5:49) alla quale il sindaco Roberto Ciappi per la sua giovane età ha consegnato la targa del Memorial “Sara Bartoli” in memoria della giovane concittadina scomparsa lo scorso anno. Quinta classificata Giulia Franzi della Runners Legnano Ssd Arl (6:06).
  • Per quanto riguarda il percorso Trail (21 km) della categoria Seniores maschile hanno primeggiato Wahid Hassan della Podistica Val di Pesa, Giovanni Brattoli della Polisportiva Moving SSD, Mirco Salvini della Podistica empolese 1986 ASD, Yuri Ceccherelli e Niklas Reetz.
  • Quanto alla categoria Seniores femminile (Trail) tra le prime cinque classificate sono emerse Alessandra Pinna della Galla ASD, Elena Riccomi della ASD Marciatori, Federica Romboli della Run Card, Annalisa Michelini della ASD Marciatori, Francesca Malfatti del Gruppo podistico Rossini.






I premi sono stati consegnati agli atleti dal sindaco Roberto Ciappi, la vicesindaca Elisabetta Masti e il consigliere regionale Massimiliano Pescini. “Un ringraziamento speciale – ha concluso il sindaco – a tutti i volontari e al tessuto associativo che si sono mobilitati, uniti, compatti, per la riuscita della manifestazione”. La Chianti Classico Marathon è organizzata da uno specifico comitato di cui fanno parte alcuni atleti chiantigiani che hanno corso e continuano a correre, come Agostino Scortichini, Tiberio Maestrini, Silvia Del Carmine, Stefania Guerrieri, Adriano Belloni, Fabio Benelli, Marco Canocchi, Alberto Bellosi, Stefano Coletti, Maurizio Franciolini, Niccolò Bartolini insieme a decine di volontari e volontarie.

 

Torna in alto