Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Elezioni comunali

Trasferimenti nei vicariati di Antella, Ripoli, Impruneta: anche Grassina avrà un nuovo parroco

Alcune parrocchie appartenenti ai vicariati di Antella, Ripoli e Impruneta vivranno, nel mese di settembre, cambiamenti relativi a parroci, vicari e collaboratori parrocchiali. Nel dettaglio:

  • Don Renato Barbieri viene nominato parroco di San Michele Arcangelo a Grassina e San Bartolomeo a Quarate: Don Renato Barbieri è stato anche missionario per l’arcidiocesi in Brasile a São Salvador da Bahia.
  • Don Thaickalamury Anthony p. George Taj viene nominato vicario parrocchiale di San Cristoforo a Strada, Santa Cristina a Pancole, San Giorgio al Ferrone, San Giuseppe Artigiano al Passo dei Pecorai.
  • Don Edoe Koffi Fumey viene nominato vicario parrocchiale di Santa Maria a Quarto di Ripoli
  • Don Eden Djim-Madji viene nominato collaboratore parrocchiale di San Pietro a Ripoli

Don James Savarirajan, parroco di San Michele Arcangelo a Grassina dal 2015, è stato nominato parroco di Sant’Antonino a Bellariva.

C’è un bel po’ di Grassina anche nel nuovo cappellano del carcere di Sollicciano: è don Stefano Casamassima (all’anagrafe, Vito Leonardo), parroco di San Pancrazio in Val di Pesa. Cresciuto in Puglia, la sua vocazione è nata grazie all’incontro con un frate toscano che ogni sei mesi andava a predicare vicino Bari, dove abitava. Quindi l’entrata in convento, prima ad Arezzo, poi a Ponte a Poppi in Casentino. Nel 1996 ha iniziato il servizio ad Arezzo in una casa di ragazzi disabili, con l’associazione «Cinque pani e due pesci». Nello stesso periodo ha iniziato il servizio in carcere, dov’è restato per 6 anni. «Il 2005 – racconta – è stato l’anno più difficile della mia vita, sono morti i miei genitori, ho dovuto affrontare il dolore e ho avvertito la necessità di uscire dal convento, così ho richiesto di essere inserito nelle parrocchie».  Dopo 10 anni a Grassina e molte esperienze di viaggi missionari in Africa, nel 2016 l’arrivo a San Pancrazio.

Torna in alto