Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Elezioni comunali

Contagi nel Chianti: curva epidemica stabile, 17 i malati Covid

Sono prevalentemente uomini. Il più giovane ha 15 anni, il più anziano 93. I sindaci Sottani, Ciappi e Baroncelli: “la linea di crescita è ferma ma non abbassiamo la guardia, restiamo a casa e rispettiamo le regole”. Martedì un minuto di silenzio in ricordo delle vittime.






La curva epidemica da Coronavirus è stabile nei Comuni dell’Unione del Chianti fiorentino. Ad oggi il numero totale delle persone affette da Covid-19, dato che si registra sommando i casi identificati nei territori di Greve in Chianti, San Casciano Val di Pesa e Barberino Tavarnelle, è pari a 17 cittadini di cui 10 uomini e 7 donne.

“Da qualche giorno la linea dei contagi è ferma – dichiarano i sindaci Paolo Sottani, Roberto Ciappi e David Baroncelli –  non sappiamo certamente dire se è iniziata una fase declinante, come ci auguriamo, ma il fatto che la curva di crescita dei nuovi malati sia stabile apre uno spiraglio di luce. E’ un dato incoraggiante e soprattutto dimostra che le misure imposte dal governo con l’obbligo di restare a casa, si rivelano efficaci e ricompensano gli sforzi che ognuno di noi impiega nel quotidiano”.

A San Casciano si contano 5 casi di contagio, suddivisi tra 3 cittadini di età compresa tra 15 e 52 anni e 2 cittadine di 42 e 93 anni. A Greve in Chianti il dato si equivale nel numero delle donne e degli uomini. Sei i grevigiani affetti da Covid-19, tre donne hanno un’età che oscilla tra i 50 e i 93 anni, il range anagrafico degli uomini va dai 47 agli 82 anni.

Per quanto riguarda Barberino Tavarnelle i dati relativi alla diffusione del contagio fanno emergere 6 casi prevalentemente maschili. Quattro i pazienti Covid la cui età varia tra i 50 e gli 80 anni, le donne hanno 61 e 86 anni.

“E’ una pandemia, stiamo vivendo una tragedia collettiva che richiama il nostro senso di responsabilità – rimarcano i sindaci – dobbiamo partire da qui, dalla straordinarietà di questa scommessa epocale, per comprendere il significato di una reclusione e un’importante condizione di isolamento che impongono limitazioni puntuali negli spostamenti, consentiti esclusivamente per motivi urgenti e indifferibili. Come sapete si può uscire, muniti di autocertificazione, per comprovate esigenze lavorative, assoluta urgenza, situazione di necessità, motivi di salute”.






“Le misure di contenimento stanno dando i loro frutti – continuano – dobbiamo andare avanti, settimana dopo settimana, e far scendere il trend con l’osservanza stretta delle regole, come sta facendo la quasi totalità delle nostre comunità. L’importante è non abbassare la guardia, considerata la dimensione della catastrofe che accenna nel nostro paese ad un lieve miglioramento con la riduzione del numero dei contagi ma non a quello dei decessi che a livello nazionale si aggira intorno ai diecimila, dall’inizio dell’epidemia, dove a pagare il prezzo più alto è la Lombardia. Restare a casa, di questo siamo certi, è la strada migliore per tornare a vivere e ricostruire il nostro futuro insieme”.

“Nella speranza faremo vivere il ricordo di chi ha perso la vita – concludono i sindaci – martedì 31 marzo alle ore 12 saremo davanti ai nostri palazzi comunali con la bandiera a mezz’asta e la fascia tricolore per tenere viva la memoria delle vittime Covid.

Aderendo all’iniziativa del presidente dell’Anci nazionale Antonio De Caro osserveremo un minuto di silenzio e ci uniremo in segno di lutto nazionale a tutti i sindaci d’Italia per rievocare il sacrificio delle 10mila vittime e dei camici bianchi, ad oggi si contano 51 decessi tra i medici colpiti dal virus letale mentre tentavano di contenere l’epidemia e salvare vite. Grazie a tutti loro. Grazie al personale sanitario che sta lottando ogni giorno, grazie ai lavoratori che operano in altri settori, grazie alle nostre comunità per gli sforzi che compiono e compiranno fino a quando il nemico invisibile non sarà definitivamente debellato”.






Torna in alto