Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Temi del momento

Cinzia e Fabio, l’eccellenza in formato coppetta e cono: 10 anni di Gelatilandia ad Impruneta






Delizia all’arancia, ricotta con pezzi di cioccolato, agrumi di Sicilia, crema. 
Parole in elenco che trovano compimento in un atro termine, fresco, gustoso: GELATO. Nel dettaglio, quello realizzato artigianalmente da due mastrigelatai del territorio, Cinzia e Fabio, titolari di Gelatilandia a Impruneta.

L’eccellenza alle porte del Chianti si trova anche in formato coppetta o cono, tale da condurre al n. 31 di Piazza Accursio da Bagnolo, la Piazza Nova, gente dalle più disparate parti dei dintorni fiorentini e non solo. Compaesani, corregionali, turisti.

Su Tripadvisor si trovano recensioni da Francia, Danimarca, Germania, Inghilterra, chiaramente Italia: “Excellent gelato!”, “Toujours au top”, “Les meilleures glaces de Toscane”, “Il gelato come si faceva una volta”, “Super is”. Inserito come luogo raccomandato anche nella nota guida francese “Le ruotard”.

Una coppia da…10 (e lode)

Cinzia Vecchio e Fabio Caminiti, in questo 2020 straordinario, festeggiano dieci anni da gelatai dell’Impruneta. Due lustri, 120 mesi, un decennio: traguardo che significa dedizione al proprio lavoro, affermazione della qualità, resistenza ad un tempo che sfreccia in avanti.
Con una certezza: quel che è buono resta!

La storia di Gelatilandia è un “melting pot” di coincidenze ed incroci.

“Aprimmo a fine 2009 (prima di entrare a regime pienamente nel 2010) quasi per caso: entrambi stavamo lavorando in altri settori quando ci imbattemmo nell’annuncio su internet di tale attività in vendita. Soltanto in un secondo momento scoprimmo che era ad Impruneta, nel paese in cui ci eravamo trasferiti da pochi mesi. Una fatalità che ci convinse ulteriormente a rilevare l’esercizio e tentare la strada del gelato.

Con successo, data la longevità.
Un percorso intrapreso dieci anni or sono, al quale Cinzia e Fabio sono giunti dopo varie altre esperienze: lui, 52 anni e natio di Catania; lei, 50 anni, nata a Londra ma originaria della Sicilia, dove si sono conosciuti nel 1987. Trasferitisi per motivi di lavoro in Toscana 30 anni fa, a Tavarnelle, hanno gestito insieme un Internet Point nel centro di Firenze prima di imbattersi nel caso e renderlo destino:

“Abbiamo dovuto studiare il mestiere, sui libri e sul campo, ma è una scelta che rifaremmo  altre cento volte. Produrre gelato è il lavoro della nostra vita”.

Il gelato di Fabio e Cinzia, così come anticipato, è “old-style” ovvero realizzato alla vecchia maniera: senza basi pronte, miscelato ingrediente per ingrediente, ricercato nella giusta cremosità e facilmente digeribile. Come ci spiega Fabio:

“Finchè non trovo la ricetta che ritengo perfetta quel gusto non esce dal laboratorio, è andata così con la cioccolata fondente, messa in vetrina solamente dopo 4-5 tentativi che non mi avevano soddisfatto”.

Oggi, con un decennio di esperienza sulle spalle, anche la ripartenza post-covid è meno difficile: “Dopo il lockdown gli imprunetini ci hanno fatto sentire la loro vicinanza venendo a trovarci e rallegrandosi della nostra apertura. Ci dicevano: “Se aprite voi è segno buono”.
Segno, ovvero, dell’avvento dell’estate. Adesso, in alta stagione, Gelatilandia accoglie i clienti dalle 16:00 alle 24:00 sette giorni alla settimana, offrendo oltre al gelato anche yogurt soft, brioche siciliane, frappè.

“Ci piace stare tra la gente e far assaggiare il nostro gelato ai clienti, siano giovanissimi imprunetini che entrano in bottega più volte al giorno o persone che percorrono chilometri per venire a trovarci. 
Ai nostri compaesani vorremmo infine rivolgere una domanda: siamo giunti qui nel 2009, subentrando a Valentino Nesi ma in questo fondo si fa gelato da tre decenni...chi ne conosce la Storia? Qualche imprunetino ha memoria di chi sia stato il primo gelataio di Piazza Nova?






Torna in alto