Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Temi del momento

Anastasia, 16enne scomparsa da una settimana: continuano avvistamenti in Toscana

AGGIORNAMENTO

Anastasia Ronchi, 16enne scomparsa dal 13 dicembre scorso, è stata ritrovata pochi minuti fa. La giovanissima, per cui c’era preoccupazione e che era stata avvistata in Toscana, avrebbe chiamato i genitori informandoli di trovarsi alla Stazione di Camaiore e chiedendo loro di raggiungerla. Anastasia sta bene, fortunatamente. 

A comunicare il suo ritrovamento la sorella, nota speaker radiofonica, Micol Ronchi che in questi giorni di apprensione aveva chiesto aiuto tramite i suoi canali social, aggiornando sulla vicenda. Micol ha poi diffuso il seguente messaggio: “Ringrazio tutti per l’enorme supporto che ci avete dato”.

La giovanissima non ha subito violenze.

La notizia delle 13:00

Continuano le ricerche di Anastasia, la sedicenne sorella della speaker radiofonica Micol Ronchi scomparsa a Pavia lo scorso 13 dicembre.

Della ragazza non ci sono ancora tracce: “Le uniche notizie che abbiamo sono che è sicuramente in Toscana in zona Versilia, stando agli ultimi avvistamenti”, dice all’ANSA la sorella Micol.

Anastasia si era trasferita da poco meno di un mese in Lombardia arrivando da Viareggio, la città dove aveva stretto le amicizie più forti. Altre segnalazioni arrivate in questi giorni parlavano invece di avvistamenti nella zona di Monza-Brianza.

Questi “sono gli unici due luoghi che conosce molto bene” aggiunge Micol su Instagram invitando gli utenti a farle una foto “anche da lontano” in caso di avvistamento.

“Non abbiamo grandi notizie ma rimaniamo fiduciosi. Siamo piuttosto stanchi – prosegue – ma non molliamo e speriamo che la biondina torni il prima possibile”.

Micol se la prende anche con gli influencer, visto che “alcuni utenti che stanno cercando di diffondere l’appello che abbiamo lanciato – spiega – quando hanno provato a contattare alcuni content creator per ricondividere il messaggio, si sono sentiti dire: ‘Scusa ma devo sentire il mio agente'”.

Insomma, “mi chiedo: queste persone, a parte regalare codici sconto alla propria community su cui poi ovviamente guadagnano – conclude – a cosa servono esattamente se non ritengono nemmeno di dover essere un esempio positivo per le persone che le seguono?”.

Per avvistamenti o segnalazioni chiamare il 112.







Torna in alto