Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Elezioni comunali

Firenze, pellicce di animali in via di estinzione vendute illegalmente

L’operazione di contrasto al commercio illegale di esemplari di fauna e flora a rischio di estinzione: coinvolta una pellicceria del centro storico fiorentino per detenzione di pelli di esemplari particolarmente protetti.







Firenze 3 marzo 2020 – I Militari del Distaccamento Carabinieri Cites di Firenze – Peretola, a seguito di un’attività di controllo subdelegata dalla Procura della Repubblica di Modena, si sono recati presso una nota pellicceria in centro a Firenze per acquisire dei documenti.

Tuttavia, svolti gli accertamenti richiesti, l’attività di indagine è proseguita di iniziativa con l’individuazione e il sequestro di due pelli di Lupo siberiano, due di Leopardo, dieci di Ocelot e una trentina di Gatto selvatico di Geoffroy (questi ultime due specie sono felini sudamericani), specie incluse nell’allegato A del Reg. CE 338/97, relativo alla protezione di talune specie della flora e della fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio.

La normativa infatti vieta l’acquisto, l’offerta di acquisto, l’acquisizione in qualunque forma a fini commerciali, l’esposizione in pubblico per fini commerciali, l’uso a scopo di lucro e l’alienazione, nonché la detenzione, l’offerta o il trasporto a fini di alienazione, di esemplari delle specie maggiormente minacciate di estinzione, il cui commercio è dunque regolato in modo molto restrittivo.

L’allegato A fa riferimento alle specie che figurano nell’appendice I della Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e di fauna selvatiche minacciate di estinzione (più nota col suo acronimo CITES).

Si tratta di un accordo internazionale stipulato nel 1975 per regolamentare il commercio internazionale di numerose specie selvatiche di piante e di animali la cui esistenza è messa a rischio dall’indiscriminato prelievo in natura per fini commerciali. Questa convenzione ha lo scopo di proteggere la natura contro lo sfruttamento eccessivo, controllando e regolando il commercio delle specie viventi, e di proibire il commercio di quelle a maggior pericolo di estinzione.

Visto che le pelli rinvenute all’interno della ditta erano state acquistate e in parte rivendute, senza la prescritta certificazione CITES, che ne legittima la detenzione, i Carabinieri forestali hanno denunciato all’autorità giudiziaria quattro persone della pellicceria.

Si tratta di pelli pregiate del valore stimato di decine di migliaia di euro, che interessano esclusivamente il mercato del lusso.

 






Torna in alto