Notizie in Tempo Reale dal Territorio

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Temi del momento

“Conoscere Greve in Chianti e la sua storia”: alla scoperta culturale (e gratuita) del territorio!






GREVE IN CHIANTI, 15 febbraio 2020. Guide turistiche ‘laureate in cultura e storia del Chianti’. Aspira a formarle il Comune di Greve che lancia la prima edizione di un progetto di formazione e aggiornamento per i professionisti del settore in collaborazione con EnjoyChianti Ufficio e Informazioni e Accoglienza Turistica rivolto.

Si chiama “Conoscere Greve in Chianti: la sua storia e la sua cultura” ed è un corso gratuito che si propone di specializzare chi accompagna e organizza visite alla scoperta di luoghi, spazi e monumenti del territorio attraverso un ciclo di lezioni in aula e all’aperto.

L’obiettivo dell’attività sperimentale investe su una fruibilità diversificata del patrimonio Chianti, fatto non solo di vino e cultura gastronomica, ma di grandi esperienze basate sulla conoscenza delle risorse storico-architettoniche che invitano ad un approccio ‘insolito’, meno convenzionale, e lascia una memoria incastonandola nella vita di comunità e nell’armonia dei paesaggi più stimati al mondo.

Cinque le sessioni di lavoro, in programma nel mese di marzo, in alcune delle sedi più prestigiose della Toscana, tra castelli, pievi, chiese e ville, affiancate da lezioni in aula e approfondimenti in esterna.






“Offrire un focus, guidato da operatori del settore e conoscitori esperti del Chianti, che documenta dal vivo le radici millenarie del territorio – fa notare l’assessore al Turismo Lorenzo Lottipermette di incentivare il fattore di attrattività turistica e mette i professionisti nelle condizioni di rafforzare quell’importante relazione che si crea tra il visitatore e la cultura del luogo da esplorare, fornisce gli strumenti per coniugare qualità ambientali, peculiarità storiche, emergenze architettoniche e tradizioni, testimoni della vitalità di una terra antica che ha ancora molto da raccontare”.

Il corso è aperto ad un massimo di 30 iscritti e consta di 24 ore complessive, ripartite tra ore in aula e visite didattiche.

L’attività si apre il 2 marzo, incentrata sulla “Storia del Chianti: Etruschi e Romani” e si svolgerà presso il Castello di Verrazzano. L’appuntamento del 5 marzo sarà dedicato al “Chianti nel Medioevo” (prima parte) con un approfondimento in esterna presso il Museo di San Francesco e la Chiesa di San Cresci a Montefioralle.

Le lezioni proseguiranno il 6 marzo con un approfondimento sul “Chianti nel Medioevo” (seconda parte) e il “Chianti nel Rinascimento”, affiancato da una visita alla Pieve San Leolino, alla Chiesa di S. Eufrosino, a Villa di Rignana.






Il 9 marzo si parlerà di “Archeologia nel Chianti”. In questa occasione le guide turistiche verranno accompagnate alla Chiesa di Mugnana, al Salto di Cintoia, alla Chiesa di San Cristoforo e alla Chiesa di Rubbiana a San Polo.

Penultimo incontro quello previsto il 12 marzo “Il Chianti dall’Illuminismo all’Unità d’Italia” con visita in esterna nella Chiesa di San Donato a Lamole, nella Chiesa di Sant’Andrea a Casole e a Villa Calcinaia.

Il corso si concluderà il 19 marzo. Al centro della lezione il tema “Il Chianti e l’arte contemporanea”, seguita da un approfondimento sulla cultura enogastronomica in cui saranno illustrate le produzioni tipiche del territorio come olio, giaggiolo, zafferano e vino Chianti Classico.

“Si tratta di un’operazione che crede e investe sulle forti potenzialità culturali del territorio – conclude il sindaco Paolo Sottanisui contenuti ‘pregiati, anche se meno noti, del Chianti che non ti aspetti, al di fuori dei classici tour. Intendiamo portare a conoscere delle guide, che si faranno volano culturale economico e turistico, bellezze naturali e risorse artistiche intrecciate alle testimonianze della tradizione chiantigiana”.

Nel team dei docenti ci sono guide turistiche, geologi, storici dell’arte, esperti di marketing e produttori locali. Nella fattispecie le lezioni saranno tenute da Pauline Pruneti, Andrea Garuglieri, Silvia Napoleone, Conte Sebastiano Capponi, Claudia De Feo, Gionni Pruneti e Gerardo Giorgi. Le iscrizioni sono aperte fino al 21 febbraio. Info: tel 055 8546299. Email: info@enjoychianti.com.

Torna in alto